Questo sito utilizza cookie analitici e di profilazione, propri e di altri siti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai riferimento all'informativa. Se fai click sul bottone "Acconsento" o accedi a qualunque elemento sottostante a questo banner acconsenti all'uso dei cookie


Roma, 26 agosto 2015 - Mediaset ha annunciato che dal 7 settembre intende criptare i propri canali sulla piattaforma SKY. Da quel momento Rete4, Canale5 e Italia1 saranno visibili solo sul terrestre e sul satellite con TIVUSAT.
La decisione di Mediaset di criptare la visione dei propri canali dal bouquet di Sky – afferma Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – danneggia quegli utenti che vedono la televisione solo attraverso la piattaforma satellitare, utenti che, per continuare a vedere i canali Mediaset, saranno costretti ad acquistare il decoder di TIVUSAT, spendendo soldi, e non esercitando il proprio diritto ad utilizzare la tecnologia trasmissiva che più gradiscono.
Lo sbarramento tecnologico messo in atto da Mediaset – dichiara Giordano - rappresenta un ritorno al passato che, ai tempi della banda ultra veloce, degli smartphone sempre connessi e della globalizzazione non solo è anacronistico, ma nasconde ben altro.
Dietro alla decisione di Mediaset di criptare i suoi canali in realtà  - prosegue Giordano - ci sono altri motivi, come quelli di non voler più concedere gratuitamente a SKY la possibilità di inserire i principali canali Mediaset nel bouquet della pay tv satellitare (posizioni 4,5 e 6). Non essendo la pay tv satellitare una piattaforma tecnologica com’è, invece, la trasmissione da satellite, ecco che vengono tagliati fuori tutti coloro che vedono la televisione solo con la piattaforma satellitare.
In un’Europa che ci chiede di avere un mercato unico digitale anche nelle comunicazioni elettroniche – continua Giordano – la decisione di Mediaset è assurda. È ora che Agcom – prosegue Giordano - faccia  chiarezza tutelando i diritti dei consumatori e delle aziende televisive. Deve essere chiarito una volta per tutte cosa e quando una trasmissione televisiva può essere criptata. La scelta di codificare non può essere utilizzata per ragioni concorrenziali o per favorire una piattaforma trasmissiva a svantaggio di un'altra (satellite contro terrestre e viceversa)! Con questa anarchia siamo arrivati all’assurdo che gli italiani in Europa non possono vedere i canali italiani perché criptati. La criptazione normalmente si usa per i canali a pagamento o per quei programmi che non hanno acquisito i diritti per la trasmissione fuori dai confini nazionali (ad esempio, eventi sportivi visibili solo sul terrestre o su TIVUSAT).  Alla luce di questo, chiediamo ad Agcom di controllare e di verificare le procedure di criptazione in atto.
Agcom – insiste Giordano - deve anche chiarire diritti e doveri di chi gestisce i bouquet televisivi e chi è tenuto a pagare per essere inserito nella numerazione del bouquet.
Adiconsum – conclude Giordano - chiede  ad Agcom l'apertura immediata di un tavolo di confronto con le associazioni consumatori per elaborare al più presto le delibere necessarie per regolamentare il settore. Chiediamo ad Agcom di bloccare la scelta di Mediaset fino a quando non ci saranno regole chiare.
(Fonte: Adiconusm)

Joomla templates by a4joomla