Questo sito utilizza cookie analitici e di profilazione, propri e di altri siti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai riferimento all'informativa. Se fai click sul bottone "Acconsento" o accedi a qualunque elemento sottostante a questo banner acconsenti all'uso dei cookie


Si è tenuto presso la sede di Napoli dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, l’incontro con una delegazione di Adiconsum insieme ad Adoc e Federconsumatori, per esplicitare la nostra posizione in merito alla revisione della Delibera 314/00/CONS in materia di tariffe agevolate.

I dati dell’Istat sulla povertà nel nostro Paese parlano chiaro – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale – Le famiglie e le persone che vivono in condizioni di disagio economico e sociale sono 4,7 milioni. A queste famiglie deve essere assicurato il diritto di accedere alle comunicazioni elettroniche.
Adiconsum – prosegue Mauro Vergari, Responsabile Nuove Tecnologie - nell’esprimere apprezzamento per i propositi esposti dall’Autorità per ampliare il numero e la tipologia dei cittadini finora coinvolti, ha ribadito la propria proposta di applicare uno sconto del 50% sulle tariffe flat già esistenti oppure la messa a disposizione di bundle predefiniti ad hoc o la possibilità di attivare un’offerta solo per il traffico dati per le famiglie in condizioni di disagio economico-sociale. Adiconsum ha anche portato all’attenzione dell’Agcom, al di là di quanto previsto dalla Delibera in consultazione, la proposta di abbattimento totale dei costi per l’attivazione e la cessazione di numeri e contratti stipulati dai titolari delle agevolazioni. Comunicare e usare internet è un servizio essenziale come lo sono i servizi energetici e l'utilizzo deve essere possibile anche a chi ha pochissimo reddito. (Fonte: Adiconsum)

Joomla templates by a4joomla